MOBILE

TABLET

DESKTOP

LARGE DESKTOP

Cagliari

Cagliari è il principale centro della Sardegna ed è un po' come la capitale di quest'isola-continente, con ritmi e tradizioni uniche, tutte sue. La nostra scuola si trova all'inizio del suo centro storico, in Via Roma e rappresenta il punto di partenza ideale per scoprire la città.

  • Il centro storico di Cagliari. Puoi cominciare la tua esplorazione perdendoti nella rete di vicoli e stradine strette del quartiere della Marina, un crocevia di culture, di colori, di piccoli negozi e laboratori artigianali. La Marina, antico borgo di marinai e pescatori, è sicuramente uno dei cuori pulsanti di Cagliari e racconta il forte legame della città con il mare. Da qua, potrai addentrarti nei quartieri di Stampace e Villanova alla ricerca di rovine romane, torri, mura, musei, chiese e gallerie, per poi salire fino alla parte alta del centro storico, il quartiere di Castello. Costruito su un colle, questo reticolo di strade strette e viste panoramiche sulla città, ti offrirà lo spettacolo di Cagliari dall'alto, del blu del cielo che si fonde con quello del mare e della luce inconfondibile del Mediterraneo.
  • Oasi naturali, spiagge e sette colli. Cagliari significa storia ma anche natura. Protagonisti assoluti sono gli stormi di fenicotteri rosa delle oasi naturalistiche e del parco del Molentargius, che puoi visitare a piedi o noleggiando una bici. Poi sole, ombrelloni colorati, chioschetti che offrono bibite refrigeranti o piatti di pesce: il Poetto è questo e molto altro. Conosciuta come spiaggia della città e lunga circa 7 km è un luogo che ti consigliamo di visitare, per almeno due motivi: offre un lungomare davvero suggestivo ed è uno dei posti più adatti per fare amicizia con i cagliaritani, gli abitanti della città. E quando vuoi sentirti il re del mondo e respirare a pieni polmoni la bellezza della città, puoi scegliere di ammirarne il panorama dall'alto. Lo sapevi che Cagliari, come Roma e Instambul, è costruita su sette colli? A questo proposito ti consigliamo di fare una passeggiata a Monte Urpinu o, se ti senti un po' più sportivo, di intraprendere un breve percorso di trekking e raggiungere la cima della Sella del Diavolo, il colle che dà sul mare. La fatica verrà ricompensata da un panorama suggestivo, rigenerante, che farà volare via i pensieri e rimetterà le cose belle della vita in prospettiva.
  • Piatti buoni e cibi curiosi. È difficile non tornare a casa felici e soddisfatti dall'ottima cucina locale. È genuina, saporita, si compone di ingredienti semplici ma di grande valore. Tra i piatti imperdibili trovi i malloreddus alla campidanese e gli spaghetti ai ricci, due modi locali di interpretare la pasta. I malloreddus sono piccoli gnocchi di farina di grano duro, abbinati a un sugo di pomodoro con salsiccia fresca e zafferano. Gli spaghetti con i ricci, invece, sono una di quelle combinazioni di pasta e pesce capaci di regalare un tocco e un profumo di mare davvero unici. Se poi ti piace sperimentare, troverai sparsi per la città chioschi bianchi che, nei mesi di racolta, ti proporranno interi vassoi di ricci e un bicchiere di Vermentino in abbinamento: una delle prelibatezze preferite dai cagliaritani. Per qualcosa di più particolare, invece, ti consigliamo di assaggiare Sa Burrida e Sa Cassola; la prima è una specialità cagliaritana a base di un pesce chiamato gattuccio di mare, diviso in tranci e cotto con una salsa a base del suo stesso fegato, olio, aglio, pangrattato, pinoli e noci. Sa Cassola è invece, una zuppa di pesce proposta secondo un'antica ricetta cagliaritana. In una parola? Squisita!
  • E quando tramonta il sole? La sera ideale si conclude con un aperitivo in uno dei tanti bar del centro storico e con la scoperta di un nuovo volto di questa città dall'animo mediterraneo: quello delle sue notti frizzanti, della musica nei chioschi in spiaggia o dei numerosi eventi organizzati dalla città: concertini jazz, spettacoli di lirica e teatro, mercatini, rassegne letterarie e molto altro.